Sindrome dell' Occhio Secco

PATOLOGIA

L’occhio secco è una patologia oculare causata da un’alterazione quantitativa e / o qualitativa del film lacrimale, il sottile strato di liquido che lubrifica e protegge la superficie esterna dell’occhio in contatto con l’ambiente esterno: la cornea e la congiuntiva. L’occhio secco è una condizione comune e non grave ma che, se sottovalutata o non diagnosticata, può portare a fastidiose alterazioni della superficie oculare.

Il film lacrimale è un elemento di grande importanza. Questo idrata e lubrifica la superficie oculare proteggendola dal danno meccanico derivante dal continuo sfregamento con l’interno delle palpebre durante l’ammiccamento. A comporre il film lacrimale sono la ghiandola lacrimale principale, quelle lacrimali accessorie, le cellule caliciformi congiuntivali e le ghiandole di Meibomio. I secreti di ognuno di questi organi concorre in maniera diversa alla sua formazione.

DIAGNOSI DELL’OCCHIO SECCO

Oggigiorno esistono diversi esami che permettono di diagnosticare la presenza di occhio secco, essi si basano sulla valutazione quantitativa e qualitativa del film lacrimale. Un test comune per diagnosticare l’occhio secco è il test di Schirmer. Questo test determina il livello di produzione lacrimale misurando il menisco di liquido che si forma su una sottile strisciolina di carta bibula inserita tra la rima palpebrale inferiore e il bulbo oculare.

I test con coloranti vitali quali il rosa bengala ci permettono di evidenziare abrasioni o desquamazioni della superficie dell’occhio dovute a scarsa lacrimazione. Il test del tempo di rottura o break up time (BUT) è un test qualitativo del film lacrimale. Il test più affidabile per valutare la presenza di occhio secco è il test dell’osmolarità del film lacrimale eseguito in studio grazie a un dispositivo denominato Osmolarity TearLab.

TRATTAMENTO

Oggi esistono diversi approcci terapeutici. Il più comune, adatto per le alterazioni quantitative ma anche qualitative del film lacrimale, consiste nel rimpiazzare il film lacrimale non più prodotto in quantità sufficiente o che evapora troppo velocemente con delle lacrime artificiali. I farmaci utilizzati possono presentare diverse caratteristiche ed avere diverse funzioni sia sul film lacrimale sia sugli occhi. Al posto delle lacrime artificiali possono essere utilizzati anche farmaci in forma di crema o di gel.

Closeup view of young woman applying eye drop, artificial tears. Cute girl suffering from an ophthalmological allergic reaction to pollen. Girl applying artificial tears sitting on a sofa in the living room at home. Close up view of young woman applying eye drop to left eye, artificial tears, antibiotics, antihistamine.

Nel caso di un’alterazione unicamente quantitativa del film lacrimale, la terapia più semplice consiste nella chiusura dei puntini lacrimali inferiori e/o superiori per bloccare il deflusso delle lacrime, ciò viene realizzato mediante l’inserzione di minuscoli tappi in collagene o silicone; i tappini in collagene permettono di ottenere una chiusura temporanea dei puntini lacrimali. Invece i tappini in silicone permettono di avere una chiusura a lungo termine. In alcuni casi si può optare di ricorrere alla chirurgia per chiudere i puntini lacrimali in maniera definitiva.

La mancanza di cure per l’occhio secco può determinare complicanze molto fastidiose e, nei casi più estremi, persino un danno corneale permanente di tipo cicatriziale, pertanto in presenza dei sintomi descritti precedentemente e in particolare di lacrimazione eccessiva, è bene rivolgersi a uno specialista in grado di eventualmente diagnosticare e trattare questa patologia oculare.

Una volta diagnosticato, l’occhio secco può essere gestito facilmente e l’eliminazione dei disagi e del pericolo di complicanze associati a questa patologia permetterà al paziente di ritrovare una buona qualità di vita e di vista.

Possiamo aiutarti

Se pensi di soffrire di questa patologia o hai dubbi che vuoi chiarire sulla vista contattaci.

Partnership

MENU