Assistenza Psicologica

Depressione, ansia, apatia: pensiamo anche a loro.

Le conseguenze psicologiche delle patologie che affliggono gli occhi e la visione, in particolar modo quelle degenerative, vengono spesso trascurate o non considerate affatto. Tuttavia, circa il 30% delle persone con patologie degenerative come la maculopatia legata all’età, o patologie eredo-familiari come la retinite pigmentosa o croniche come il glaucoma,  manifestano sintomi ansiosi e depressivi.

Il paziente può provare ansia perché non ben informato sulla propria malattia, su cosa è e su cosa deve aspettarsi da essa, o per mancanze all’interno della comunicazione medico-paziente o comprensibilmente per negazione del problema da parte del paziente stesso.

In patologie in cui la perdita della visione va ad alterare il normale assetto sensoriale della persona (perdita progressiva della visione centrale o periferica),  il paziente si trova davanti alla complicata situazione di dover riadattare il suo modo di guardare, muoversi e vivere, alla sua nuova condizione visiva. Questo risulta essere per niente facile soprattutto per una persona di età avanzata che, se non assistita e guidata, cade in un vortice di sentimenti ed emozioni negative come rassegnazione, sconforto e apatia. Oltre alla vera e propria difficoltà psicofisica nel dover fare ciò, la consapevolezza di non poter più tornare a vedere come una volta può generare una grave depressione e chiusura della persona verso lo svolgimento delle azioni quotidiane e la vita in generale. Questo accade in maniera ancora più incisiva e prevalente nei giovani, che più o meno improvvisamente si trovano a dover affrontare la vita in maniera ben diversa da quella dei propri coetanei e che vedono precludersi numerose strade, fasi ed esperienze personali oltre che lavorative. Perciò è bene avvalersi di figure professionali di ambito psicologico, oltre che oftalmologico, che con le loro competenze possono fornire gli strumenti e le strategie per affrontare un problema molto grande come quello della perdita della vista e restituire al paziente la consapevolezza di non dover interrompere i rapporti col mondo esterno, ma di poter imparare a gestirli in modo differente.

Siamo ben consci di questa realtà, motivo per cui, nel nostro centro Rome Vision Clinic, è possibile richiedere assistenza psicologica in cui psicologi professionisti, collaborando in sinergia con l’oculista, possono aiutare il paziente ad affrontare e superare nel miglior modo possibile i sintomi derivanti da una condizione visiva che risulta non più sufficiente a mantenere propria autonomia individuale e relazionale.

Protagonisti centrali di questo percorso sono anche i familiari dei pazienti che, guidati da tali figure professionali, possono dare un concreto contributo per migliorare la quotidianità dei loro cari e allo stesso tempo la propria. Prendersi cura delle persone colpite da queste patologie aiuta a salvaguardare le molteplici risorse che ogni persona, sebbene in uno stato di malattia, può ancora esprimere durante il proprio percorso di vita per se stessa e per la società in generale.

Possiamo aiutarti

Se pensi che possiamo aiutarti, mettiti in contatto con noi per una prima consulenza.

Partnership

MENU