Gravidanza…e agli occhi chi ci pensa?

Gravidanza…e agli occhi chi ci pensa?

La gravidanza è un periodo in cui le future mamme dovrebbero prendersi cura della propria salute sotto tutti gli aspetti, ma agli occhi chi ci pensa? 

È sorprendente come la capacità visiva possa cambiare e diventare un campanello d’allarme per problemi più importanti. I cambiamenti ormonali e fisici che accompagnano la gravidanza possono influire anche sulla vista.

La maggior parte dei problemi sono in genere minori e temporanei, e si risolvono appena il piccolo viene al mondo, ma alcuni di questi possono richiedere l’attenzione del medico. 

Ecco 4 problemi a cui prestare assolutamente attenzione:

Secchezza Oculare

Durante la gravidanza si può avvertire una maggiore secchezza oculare accompagnata da bruciore, accentuata ulteriormente con l’uso delle lenti a contatto. La causa di questa sintomatologia sono i cambiamenti ormonali dovuti alla gravidanza.

Casa Fare?

L’uso quotidiano di lacrime artificiali permette di mantenere gli occhi costantemente idratati e lubrificati, alleviando la sintomatologia. Nel caso di portatrici di lenti a contatto sarà necessario utilizzare apposite lacrime artificiali che non devono in alcun modo interferire con i materiali delle lenti.

Si consiglia l’uso di lacrime artificiali monodose per evitare che i conservati presenti nelle confezioni possano dare allergie o irritazione. In alcuni casi possono essere richiesti esami specifici per la lacrimazione, come il test di Schirmer, che non comportano alcun rischio per la gravidanza e che hanno lo scopo di valutare sia la quantità che la qualità delle lacrime. In base ai risultati ottenuti, lo specialista saprà consigliare il prodotto migliore considerando anche le necessità del paziente.

Visione offuscata

Visione offuscata

Durante la gravidanza non è raro soffrire di ritenzione idrica, questa condizione può causare cambiamenti anche nello spessore e forma del cristallino. Il cristallino cambiando le sue caratteristiche anatomiche causerà una difficoltà nella messa a fuoco degli oggetti. Anche la cornea può subire delle modifiche anatomiche che tenderanno a migliorare dopo il parto o dopo l’allattamento.

Cosa Fare?

In questo caso c’è ben poco da fare; nel caso in cui questo problema infici l’attività lavorativa o la guida, l’oculista può prescrivere degli occhiali transitori in quanto dovrebbe tornare tutto alla normalità dopo il parto o dopo il termine dell’allattamento.

Preeclampsia o gestosi

Alcune alterazioni visive possono essere il campanello d’allarme per un serio problema che interessa un piccolo numero di donne in gravidanza. All’alterazione visiva si associa in genere l’aumento della pressione sanguignaedema e proteinuria.

I sintomi a cui prestare particolare attenzione sono:

  • ♦ temporanea perdita della visione
  • ♦ sensibilità alla luce
  • ♦ visione offuscata
  • ♦ percezione di aurea, luci intermittenti, lampi

Cosa fare?

Se si avvertono uno o più di questi sintomi è obbligatorio recarsi immediatamente dal proprio oculista o medico curante. La preeclampisia può avere un decorso rapido e causare gravi problemi alla vista e ad altri organi. Sarà necessario eseguire controlli clinici e strumentali, che, grazie alla moderna strumentazione a disposizione, non hanno effetti collaterali sulla gravidanza.

Diabete

I livelli alti di zuccheri nel sangue possono indicare la presenza di diabete. Se non controllato il diabete può danneggiare irreparabilmente i capillari retinici, con conseguenze visive. Le probabilità di sviluppare la patologia aumentano con il progredire della gravidanza. Non è raro, durante le fasi avanzate della gravidanza, sviluppare quello che viene chiamato diabete gestazionale. È bene tener presente che questa forma di diabete necessita delle stesse attenzioni e controlli delle forme più comuni (diabete tipo 1 – giovanile – diabete tipo 2 – età adulta).

Cosa Fare?

Sono indispensabili i monitoraggi del medico curante e dell’oculista, per accertare che i livelli glicemici e gli occhi siano sotto controllo. Sulla base di quanto scritto, per affrontare in tutta tranquillità questo periodo così particolare, consigliamo di mettere in agenda anche la vista con l’oculista. Come già anticipato, infatti, la visita oculistica si avvale dell’ausilio di strumenti che non interferiscono con la gravidanza, e che permettono di  ottenere importanti informazioni sulla salute dei proprio occhi.

MENU